PcPrimiPassi.it - informatica facile per tutti, home page
PcPrimiPassi.it - informatica facile per tutti, home page
sezioniGuide e Tutorial
icona sondaggi Sondaggi
Quanto ti fidi dei nostri consigli e delle nostre valutazioni mentre ci leggi ?

Moltissimo !
54%
Abbastanza
25%
Non so ancora
11%
Non mi fido granchè...
11%
newsletter Newsletter

Iscriviti ora !!!

Rimani aggiornato ricevendo le nostre Newsletter di aggiornamento periodico.

Non perderti nessuno dei nostri contenuti!

Iscriviti alle Newsletters di aggiornamento periodico.

dizionario Dizionario tecnico
Cerca un termine

Alcuni termini informatici estratti in modo casuale
freccia e-book
freccia booleano
freccia hackers
freccia pc
freccia address
freccia Middleware
freccia INPUT
freccia splittare
freccia risoluzione video
freccia DVD-R
affiliati Siti affiliati


Dettagli domande frequenti...
Lista
La domanda frequente che hai scelto...

Quando gioco in rete mi trovo ad avere un ping troppo alto


question Domanda: Quando gioco in rete mi trovo ad avere un ping troppo alto(250).Ho chiamato Tin it ma mi hanno risposto che e' impossibile abbassarlo.Mi chiedo allora come fanno altri a giocare con Ping di 40 o meno. Grazie

risposta Risposta: Potrebbe dipendere dal fatto che hanno una connessione più veloce della tua, tipo una ADSL o come minimo una ISDN.Spesso però è il server a non offrire una potenza idonea (magari perchè ha troppo carico di lavoro), o più presumibilmente ha una banda di rete troppo piccola per cui i tempi di risposta verso i client sono lunghi (e quindi anche il tuo PING)

freccia NESSUN ARTICOLO COLLEGATO

cerca Cerca nel sito
Cerca in:
In base a:





cerca Forum discussione
sostienici Sostienici !
condividi Social Network
Seguici sui social network
Segui PcPrimiPassi sui social network Segui PcPrimiPassi.it su Facebook Segui PcPrimiPassi.it su Twitter Segui PcPrimiPassi.it su YouTube
faq Domande frequenti
download Ultimi Download


Tipi di files Tipi di files su Windows
team Team & Contatti
sviluppo Sviluppo
Versione 5.4 Sviluppata da Stefano Ravagni