Logo PcPrimiPassi.it
sezioniGuide e Tutorial
Sondaggi
Ritieni che PcPrimiPassi.it abbia contribuito alle tue attuali conoscenze informatiche ?

Si, fortemente !
21%
Si, per molti aspetti
19%
Per alcune cose si
24%
Poco o niente
36%
newsletter Newsletter

Iscriviti ora !!!

Newsletter di aggiornamento periodico dal nostro portale!

dizionario Dizionario tecnico
Cerca un termine
affiliati Siti affiliati
Articoli, guide e tutorial
software

Come fare un backup dei propri DVD video con HandBrake


Vediamo insieme come fare una copia di sicurezza dei propri video in DVD per scongiurare di perderli a casusa del danneggiamento del supporto rom.


freccia Sezione: Guide softwares
freccia Difficoltà: MINIMA, Compatibilità: Indipendente dal Sistema operativo

Condividi e rendi nota questa pagina

Il box di condivisione con i social network non è visibile in quanto non hai accettato i cookies di terze parti su questo sito; qualora volessi utilizzare tale capacità di condivisione è necessario cancellare tutta la cronologia e ricaricare questa pagina, quindi accettare i cookies


HandBrake

Quasi tutti hanno in casa dei video in DVD, siano essi video di vacanze o di famiglia o semplicemente dei films o serie tv cui siamo particolarmente affezionati.

I supporti DVD hanno giocato un ruolo importantissimo negli ultimi 20 anni come metodo di archiviazione esterno a basso costo e facile da utilizzare... ma bisogna spesso fare i conti con la fragilità fisica dell'unità ottica che risulta piuttosto fragile e si può rovinare nel tempo; basti pensare ad una accidentale caduta che può far saltare il rivestimento esterno che serve per la memorizzazione dei dati... o più semplicemente ad un graffio che ne potrebbe compromettere irrimediabilmente la lettura... e come non pensare poi alla estrema sensibilità al calore... qualcuno ha mai lasciato per errore un CD/DVD sul cruscotto della propria auto in estate ?

Sebbene i supporti DVD siano dichiarati come "garantiti" per 20-30 anni, in base a quanto appena accennato è bene dunque non fidarsi troppo e pensare di mettere in salvo i contenuti che più ci stanno a cuore prima che sia troppo tardi.

Tale salvataggio, chiamato in gergo informatico "backup", non è altro che una copia dei contentuti che può essere fatta per essere poi trasportata o su altri supporti ottici in modo da avere per lo meno più di una copia di sicurezza o su dischi rigidi esterni (hard disk o pennette USB), sicuramente più sicuri e resistenti.

Proprio in questi giorni mi è capitato di dover utilizzare questa procedura per effettuare una copia di backup di un corso di inglese salvato su ben 40 DVD.
Il proprietario di questo corso ha sborsato molti soldi per aggiudicarselo e voleva in tutti i modi scongiurare la possibilità di perderlo per danni accidentali; inoltre, cosa oggigiorno da tenere bene a mente, sono sempre più i computers portatili privi di unità ottica per cui mi faceva notare la necessità di avere tale corso su una unità disco collegabile via USB al suo prossimo notebook o tablet.

Esigenze di questo tipo possono presentarsi a chiunque di noi ed è bene prevenire la perdita dei contenuti, fosse anche solo, come dicevo in apertura di articolo, per salvare un film in DVD o un video delle proprie vacanze.


Come fare dunque per effettuare questo tipo di backup ?


Diverse sono le strade percorribili:

- Copia diretta su un altro DVD
- Copia diretta su un disco fisso o USB pen.
- Creazione di una immagine del disco.
- Conversione del DVD in file video compresso.

Tra tutte le opzioni elencate, quella che secondo me è la migliore opzioni oggigiorno è quella che prevede la conversione del video DVD in un video compresso.

I vantaggi sono molteplici:

- L'operazione è gratuita e piuttosto automatizzata utilizzando il software giusto.
- Si ottiene una copia fedele all'originale ma che occupa molto meno spazio.
- E' possibile aggiustare il video finale in modo molto personalizzato impostando correttamente il software utilizzato.

Vediamo insieme come procedere.


Cosa occorre per la conversione di un video DVD:


Questi i requisiti per poter applicare i contenuti di questa guida:

- Un lettore DVD ROM
- Un software di conversione

Per quanto riguarda il software, in rete se ne trovano a bizzeffe... gratuiti, commerciali, open source... c'è solo l'imbarazzo della scelta e ovviamente in base alla professionalità dello stesso l'utente avrà più o meno possibilità di azione sul risultato finale.

Per questa guida vi suggeriamo l'uso di un software Open Source chiamato HandBrake, un prodotto eccezionale che dispone di tutto il necessario per essere subito utili a chi lo installa nel proprio sistema.

E' possibile scaricare Hand Brake dal seguente link:

Handbrake Download

Ricordo a tutti che è necessario scaricare la versione idonea al proprio sistema operativo (attenzione a 32 o 64 bit).
Se il proprio sistema non fosse presente nella schermata principale di download, prestate attenzione alla sezione che riporta i download di versioni più vecchie in genere rintracciabile da un link chiamato OLD RELEASES.

Per utilizzare HandBrake per i fini di questa guida non sarà necessario studiarne il funzionamento ma semplicemente seguire quanto indicato nella nostra guida ai paragrafi successivi.
Si tenga solo presente che, con l'avanzare delle versioni, le schermate e le voci indicate potrebbero differire leggermente ma il concetto di fondo rimarrà sempre il medesimo e prevede sostanzialmente questi steps logici:

- Indicare ad HandBrake dove si trova il video (cioè sull'unità DVD).
- Impostare (se necessario) poche semplici voci.
- Avviare il processo.
- Salvare il video ottenuto dove desiderato.

... ma prima di tutto andiamo ad impostare alcune opzioni generali che saranno di rilievo per questa guida.


Fase preliminare; impostazione delle opzioni di HandBrake:


Alcune impostazioni di base ci saranno utili per evitare di dover ogni volta immettere manualmente i nomi ai files originati dalle nostre conversioni video.
Purtroppo attualmente HandBrake non dispone della localizzazione in lingua italiana ma sarà comunque abbastanza facile per chi mastica un minimo di inglese destreggiarsi tra i pochi menu sui quali dovremo andare ad agire all'interno delle impostazioni del software.

Una volta avviato HandBrake, rechiamoci alla voce PREFERENCES (Preferenze) quindi alla sezione OUTPUT FILES (files di destinazione) e assicuriamoci di impostare le seguenti voci come mostrato in figura:

Handbrake 1

  •     Automatically name output files: sostanzialmente lascia al programma l'onere di dare in automatico un nome al file generato dalla conversione del video. Il nome viene generato a partire dal nome originale e viene poi legato al paragrafo-numero di video-altro. L'utente potrà sempre modificare il nome in seguito ma avere un software pensa da solo al nome del file finale è una bella comodità.
  •     Always use MP4: questa opzione forza HandBrake a salvare il file video generato in formato MP4, molto conosciuto ed apprezzato e di conseguenza con una altissima compatibilità di riproduzione su qualunque dispositivo multimediale.
   
Nonostante HandBrake permetta la personalizzazione di un numero molto elevato di parametri, non ci sono altre impostazioni da modificare ai fini di questa guida.


La procedura di conversione del video:


Avviamo HabdBrake per arrivare alla schermata iniziale dalla quale possiamo procedere con indicare una sorgente dalla quale prelevare il video originale.

Inseriamo un DVD nel lettore del computer e attendiamo che ne legga le tracce iniziali, quindi tralasciando l'autoplay generalmente proposto da Windows impostiamo l'unità del nostro lettore DVD ROM agendo sul comando OPEN FOLDER (apri cartella).

Handbrake 2

Selezioniamo come sorgente di acquisizione il lettore DVD Rom

Handbrake 3

Una volta selezionato il lettore DVD rom , HandBrake ne leggerà il contenuto ed essendo un DVD video riconoscerà i vari capitoli presenti; ognuno di essi rappresenterà un file video separato ed autonominato grazie alle impostazioni descritte poco fa.

Durante la lettura HandBrake mostrerà una finestra di avanzamento del lavoro di riconoscimento

Handbrake 4

Terminato il riconoscimento del disco, se il video DVD è composto da più capitoli HabdBrake mostrerà l'anteprima di un capitolo per volte che per default è il primo capitolo;
l'utente potrà in qualsiasi momento selezionare un capitolo diverso ed applicare cosi impostazioni differenti tra gli stessi.

Handbrake 5

Controlliamo ora le impostazioni di video, audio, sottotitoli e quanto altro ma diciamo subito che teoricamente potreste lasciare tutto cosi come è e dare subito il via alla conversione!

In ogni caso, per completezza vediamo molto velocemente queste opzioni...

Nella finestra principale vengono visualizzati i dati del sommario in cui si evince :

  • Il formato finale utilizzato in questo caso MP4; tale impostazione può essere modificata
  • Il tipo di codifica applicato alle tracce video; in questo caso sarà utilizzato un codec per la compressione chiamato H.264 con una fluidità di riproduzione di 30 FPS (frame per secondo), con un codec audio che è l'AAC con supporto al dolby digital.
  • La dimensione finale del riquadro video; per default è uguale a quello originale ma ne riparleremo tra un attimo.


Tutte queste impostazioni possono essere modificate singolarmente o in blocco.

Per modificarle in blocco è possibile agire sull'elenco dei PRESETS (opzioni preimpostate) sulla destra; si noti come attualmente ci sia già un valore selezionato, in questo caso il presets FAST 1080p (ossia 1080 punti equivalente ad una qualità Ultra HD) 30 FPS (cioè con 30 Frame per secondo).

Handbrake 6

Qualora l'utente volesse abbassare la qualità del video finale (e di consequenza lo spazio occupato), potrebbe semplicemente selezionare un diverso PRESET modificando cosi in blocco tutte le opzioni appena viste; ad esempio selezionando 720p 30 si passerebbe da un video finale in Ultra HD (1080p) ad uno in HD (720p).

La modifica manuale sezione per sezione consente un controllo molto più professionale dei singoli valori... vediamo ad esempio cosa possiamo controllare dalle varie schede di HandBrake:


Impostazioni video:



Handbrake 7

In questa sezione possiamo cambiare :
  • il codec video attualmente impostato su H.264 in uno diverso; si consiglia di lasciare questo valore per un rapporto compressione/compatibilità ottimale. Impostando il codec H.265 si ottiene maggiore qualità, minore spazio occupato dal file finale ma una maggiore tempistica di elaborazione... si tratta dunque di un formato migliore ma non tutti i dispositivi sono in grado di supportarlo.
  • Il framerate; ovvero il numero di fotogrammi visualizzati in un secondo... si consideri che 25 FPS è già un ottimo valore in quanto garantisce una buona fluidità abbassando al contempo lo spazio occupato dal video finale rispetto a valori più alti come 30 FPS; si consiglia di non scendere al di sotto di 25 FPS.
  • Constant framerate / Peak framerate; tramite la prima opzione si utilizzerà un video che ha un FPS costante dall'inizio alla fine mentre con la seconda si genera un video che si adatta ai picchi presenti nel video, aumentandoli o diminuendoli in base a quanto risulta "carica" ogni scena; si consiglia di lasciare selezionata la voce PEAK FRAMERATE

Per la sezione video consigliamo di non agire sulle altre numerose voci presenti.


Impostazioni audio:



Handbrake 8

In questa sezione possiamo cambiare:
  • tipo di traccia; molti DVD video contengono più tracce, tante quante sono le lingue supportate; è necessario selezionare quella di proprio interesse.
  • tipo di codec audio; generalmente viene selezionato l'AAC ma è consigliato cambiarlo con il codec MP3 che tutti conosciamo.
  • bitrate; la qualità utilizzata dal codec audio impostato: 160 è un ottimo valore che può essere abbassato anche a 128 a meno che non si tratti di video musicali per i quali consigliamo almeno un 192 se non superiore. Anche in questo caso abbassare il bitrate comporta una riduzione della qualità audio (spesso impercettibile), un minore impatto sulle dimensioni finali del file e un tempo di codifica inferiore, mentre alzare il valore comporta gli effetti esattamente contrari.

Impostazioni sottotitoli:



Da questa scheda, che non visualizziamo nemmeno, è possibile specificare se includere o meno eventuali sottotitoli.


Impostazioni dei capitoli:



Handbrake 9

Questa sezione riveste particolare importanza per la suddivisione dei capitoli in più files, ognuno dei quali punta ad un capitolo diverso del DVD.

Tale sezione è fondamentale in quanto in un video convertito in formato compresso (quale è quello che stiamo per fare con questa guida) si perdono le caratteristiche interattive tipiche dei normali DVD video, come la navigazione dei contenuti, il salto da un capitolo all'altro tramite il menu predisposto etc etc. E' dunque importante scegliere se vogliamo un unico grande file video che contenga tutti i capitoli oppure una serie di files video ognuno dei quali contiene un solo capitolo.

Tutto cio si ottiene tramite l'impostazione della voce CREATE CHAPTER MARKERS che vi consigliamo di attivare per avere tanti files quanti sono i capitoli del DVD.
Come è possibile notare dal nome utilizzato per il capitolo 1, il file risultante sarà NOMEDELFILM-1.MP4 ... ovvero nome del film + numero del capito con estensione .MP4 come specificato in origine.


Fase finale: la conversione del DVD video:


Handbrake ha moltissime funzioni ma non andremo oltre in questa guida in quanto abbiamo raggiunto lo scopo prefissato... vediamo quindi come abbiare la conversione una volta impostate
tutte le opzioni che abbiamo visto.

Dalla scheda principale, clicchiamo sulla voce ADD TO QUEUE (ovvero aggiungi alla coda di elaborazione); dalla casella a discesa selezioniamo la voce ADD ALL, ovvero aggiungi tutto, per
aggiungere alla coda dei processi da eseguire tutti i capitoli da noi selezionati.

Non ci resta che premere il bottone START ENCODE (ovvero avvia codifica) e il gioco è fatto !
HandBrake comincerà a prelevare i video dalla sorgente specificata e convertirli, in forma codificata e compressa, nei files video finali.

Handbrake 10



I risultati ottenibili:


Il tempo necessario alla elaborazione di ogni DVD video dipende da moltissimi fattori: velocità del computer, potenza della scheda video e della CPU, tipo di video sorgente, tipo di codifica applicata e parametri impostati.

Personalmente, impostando il preset a 1080p 30 FPS sono riuscito a ridurre il DVD originale di oltre 6 volte, passando dagli oltre 7 GB di dati a circa 1,1 GB . La qualità, visto che ho usato un preset qualitativamente molto performante, non ne ha risentito, per lo meno per quanto percettibile da occhio umano (una perdita c'è sempre)... ma ho allo stesso tempo fatto una copia qualitativamente eccelsa di un DVD che posseggo in originale utilizzando molto meno spazio su disco.

Inoltre, un video cosi fatto, in un formato conosciuto e largamente supportato, è utilizzabile su qualsiasi dispositivo, anche sprovvisto di lettore ROM.

Dire che di vantaggi ce ne sono tanti, la spesa è pari a zero, il tempo ce lo mette ognuno di noi in piena libertà.... cosa vogliamo di più ?

Questa guida è destinata a diventare obsoleta, come qualsiasi tutorial che riguardi un software in particolare, per cui in futuro l'utente potrebbe ritrovarsi a leggerla e non trovare corrispondenza con il software descritto; quello che ribadisco sempre è che l'interfaccia potrà cambiare ma il succo del discorso rimarrà comunque valido.

Anche per questa volta è tutto, spero vi sia piaciuta questa guida ... e se cosi non fosse o aveste delle domande, obiezioni o quant'altro, ricordo a tutti che siamo sempre aperti a ogni forma di critica, purchè fondata e costruttiva.

RAVEN

Commenti a questa guida


Inserisci il tuo commento
(Non serve la registrazione, solo la tua email per confermare il commento!)

Utente:
Email (questo dato rimane privato):
Commento:


CODICE DI VERIFICA:


Scrivi il risultato della seguente operazione in base al valore dei due dadi:

+


RISULTATO:


Informativa sulla privacy


Ho letto l’informativa Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

I dati personali richiesti (indirizzo email, nominativo) saranno utilizzati unicamente per poter visualizzare il tuo commento e rispondere al messaggio in maniera cortese e non saranno diffusi o comunicati a terzi.

L'indirizzo IP di chi commenta viene memorizzato al solo fine di tracciare l'avvenuto consenso espresso. Ricorda di non inviare dati sensibili nel messaggio!!!

ACCONSENTO



Presenti 0 commenti



TI E' PIACIUTO QUESTO CONTENUTO ?

Condividi e rendi nota questa pagina

Il box di condivisione con i social network non è visibile in quanto non hai accettato i cookies di terze parti su questo sito; qualora volessi utilizzare tale capacità di condivisione è necessario cancellare tutta la cronologia e ricaricare questa pagina, quindi accettare i cookies
cerca Cerca nel sito
Cerca in:
In base a:
sostienici Sostienici !
condividi Social Network
Seguici sui social network
Segui PcPrimiPassi sui social Segui PcPrimiPassi su Twitter Segui PcPrimiPassi.it su facebook
download Ultimi Download
faq Domande Top
Tipi di files Tipi di files
team Team & Contatti
sviluppo Sviluppo
Versione 4.3 Developed by Stefano Ravagni