Fonte: wikipedia.o...">
Logo PcPrimiPassi.it
sezioniGuide e Tutorial
Sondaggi
Ti senti sicuro/a quando navighi su PcPrimiPassi.it ?

Assolutamente si, mi fido di voi!
31%
Abbastanza
9%
Non saprei come valutarlo
11%
No, affatto
48%
newsletter Newsletter

Iscriviti ora !!!

Newsletter di aggiornamento periodico dal nostro portale!

dizionario Dizionario tecnico
Cerca un termine
affiliati Siti affiliati
Articoli, guide e tutorial
software

Desktop remoto con CrossLoop


Il termine desktop remoto in informatica indica la capacità di aprire una sessione utente di tipo grafico o comunque interattivo su un computer remoto, collegato in rete, usando le risorse di input/output di un computer locale... ecc.ecc.". Fonte: wikipedia.org.

In altri termini, rappresenta la possibilità di "collegarsi" a distanza, utilizzando la rete, ad un computer e gestirlo. I programmi per poter fare questo sono molteplici (compresi gli strumenti integrati nei sistemi operativi) e molteplici possono essere i modi ed i perchè si possa scegliere accessi del genere. Nello specifico dell'articolo, parleremo di un programma semplicissimo da gestire: CrossLoop


freccia Sezione: Guide softwares
freccia Difficoltà: Minima, Compatibilità: Indipendente dal sistema operativo

Condividi e rendi nota questa pagina

Il box di condivisione con i social network non è visibile in quanto non hai accettato i cookies di terze parti su questo sito; qualora volessi utilizzare tale capacità di condivisione è necessario cancellare tutta la cronologia e ricaricare questa pagina, quindi accettare i cookies


Desktop remoto con CrossLoop

Autore: PRGN

Desktop remoto: "Il termine desktop remoto in informatica indica la capacità di aprire una sessione utente di tipo grafico o comunque interattivo su un computer remoto, collegato in rete, usando le risorse di input/output di un computer locale... ecc.ecc.". Preso da wikipedia.org.

In altri termini, rappresenta la possibilità di "collegarsi" a distanza, utilizzando la rete, ad un computer e gestirlo. I programmi per poter fare questo sono molteplici (compresi gli strumenti integrati nei sistemi operativi) e molteplici possono essere i modi ed i perchè si possa scegliere accessi del genere. Nello specifico dell'articolo, parleremo di un programma semplicissimo da gestire: CrossLoop.

Sito ufficiale: www.crossloop.com
Link per download: https://www.crossloop.com/download.htm?src=hp

Il programma è semplicissimo da usare, non richiede competenze in particolare (se non quelle che un normale utente informatio deve avere per la gestione dello stesso: installazione programmi, connessione alla rete ecc.) e prevede un uso anche gratuito, naturalmente con le limitazioni del caso (vedi sito ufficile per eventuali chiarimenti rispetto l'acquisto di licenze), che comunque permette la gestione di un pc da remoto.

Scaricato il programma, l'installazione è molto semplice, si avvia il file scaricato  (bisogna accettare eventuali autorizzazioni richieste dal sistema operativo), si sceglie la lingua, si leggono e si accettano i termini della licenza, altre brevi impostazioni rispetto la creazione delle icone ed il programma risulterà installato (in tutto questo è compresa una autoconfigurazione del firewall, appunto per dare l'autorizzazione, al programma, a poter "uscire" dal pc, tramite la rete, e connettersi per gestire, appunto, una sessione remota tramite internet, accesso o condivisione che sia).

Il programma è semplicissimo e presenta una finestra altrettanto semplice, in generale ci sono solo 2 schede nella finestra, Accesso e Condivisione.

CrossLoop 1

CrossLoop 1b

La scheda Accesso è da utilizzare per accedere ad un pc da remoto, mentre, la scheda Condivisione, è utilizzata per reperire il codice (codice di accesso) assegnato al pc su cui accedere. Il codice di accesso è importante, in quanto è lui che, una volta comunicato all'utente che vuole accedere al nostro pc,  rappresenta la chiave per accedere al nostro pc. Infatti, l'unico modo che si ha per permettere l'accesso al pc da remoto, utilizzando crossloop, è quello di comunicare il codice accesso, altrimenti non è possibile  aprire una sessione utente da remoto sul nostro pc. Per comunicare il codice d'accesso bisogna però usare mezzi esterni al programma, un programma di instant messaging va ottimamente (messenger vari, skype o simili, anche telefono se ci si conosce direttamente ecc.), quindi, bisogna comunque essere in contatto con chi vuole condividere la sessione remota con noi.

Quindi, ricapitolando, una volta aperto il programma ed assegnato il codice di accesso (che naturalmente  viene generato di volta in volta), l'unico modo per aprire una sessione da remoto è condividere il codice d'accesso appena generato, codice d'accesso che, naturalmente, deve esser comunicato, in tempo reale, all'altro utente. L'utente che vorra accedere non dovrà fare altro che avviare il programma, aprire la scheda Accesso e inserire il codice d'accesso comunicato (cliccando poi su connetti, pulsanche che dovrà  esser premuto anche sull'altro pc). Dall'altra parte, l'utente che ha condiviso il codice d'accesso, vedrà il suo desktop "prender vita", gestito da remoto, e potrà controllare, "de visu", tutte le operazioni effettuate, da remoto, sul suo computer (inoltre è prevista anche l'impostazione "solo visualizzazione", per la quale basta cliccare sull'iconcina apposita che appare nella scheda "Condivisione" all'atto nella connessione; questa impostazione permette esclusivamente la visualizzazione). La sessione dura per un tempo limitato, inoltre può essere interrotta volontariamente dagli utenti, cliccando su Disconnetti.

Facciamo un esempio pratico, 2 utenti, chiamiamoli A e B, A chiede a B di essere assistito tramite desktop remoto, quindi decide di condividere il suo desktop tramite il programma CrossLoop. Entrambi installano CrossLoop.

     Esempio:


A
avvia Crossloop ed apre la scheda "Condivisione":

CrossLoop 2

A copia il codice d'accesso che gli appare e lo invia a B. I modi per comunicare il codice possono essere molteplici, naturalmente, i più diretti, quelli instantanei sono da preferire, riducendo al minimo i tempi di risposta (i vari messenger, skype e simili vanno benissimo)

B riceve il codice di accesso, apre CrossLoop, incolla il codice ricevuto nell'apposita casella della scheda Accesso e clicca su "Connetti" per avviare la connessione:

CrossLoop 3

Nel frattempo anche A ha cliccato sul pulsante "Connetti", rimanendo in attesa che la connessione si stabilisca:

CrossLoop 4

(possiamo notare dall'immagine il timer che scorre, infatti, se entro 2 minuti non si stabilirà nessuna connessione  il tutto è da rifare)

Nel frattempo A riceve la richiesta di autorizzazione per permettere a B di accedere al suo desktop:

CrossLoop 5

A questo punto, dopo l'autorizzazione, la finestra del programma annuncia ad A che la condivisione è in atto ed indica il tempo di sessione (cioè da quanto tempo è aperta la sessione):

CrossLoop 6

Alla fine di tutta la procedura, l'utente B vedrà apprirsi una finestra sul suo desktop (finestra che potrà ampliare anche a tutto lo schermo) contenente il desktop dell'utente A:

CrossLoop 7

Nel frattempo anche la finestra del programma di B si è aggiornata ed indica l'avvenuta condivisione e il tempo di durata della stessa:

CrossLoop 8

I colori del desktop ed immagine dello stesso potranno variare momentaneamente durante la connessione... (sul pc A), questo è nella norma, non preoccupatevi, tutto ritornerà come prima dopo la disconnessione.

L'utente B, a questo punto, potra muoversi all'interno del desktop dell'utente A (che naturalmente potrà vederene tutti i suoi  movimenti), potra effettuare impostazioni, cancellazioni, aprire cartelle... ecc.ecc.... proprio come se fosse seduto davanti al pc di A, se la connessione non è stata limitata alla sola visualizzazione.

Alla fine, per chiudere la connessione, basterà cliccare su  "Disconnetti" e tutto tornerà come prima.

    Fine esempio.

Il programma ha anche un tasto per accedere a varie altre funzioni non essenziali ma molto utili:

CrossLoop 9

Ma le più importanti non sono utilizzabili nella versione free del programma.

Personalmente ho avuto modo di testarlo su windows XP, Vista e Windows 7, ma dovrebbe funzionare anche con Windows 98.

Non mi rimane che augurarvi buona connessione remota!


prgn





Commenti a questa guida


Inserisci il tuo commento
(Non serve la registrazione, solo la tua email per confermare il commento!)

Utente:
Email (questo dato rimane privato):
Commento:


CODICE DI VERIFICA:


Scrivi il risultato della seguente operazione in base al valore dei due dadi:

+


RISULTATO:


Informativa sulla privacy


Ho letto l’informativa Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

I dati personali richiesti (indirizzo email, nominativo) saranno utilizzati unicamente per poter visualizzare il tuo commento e rispondere al messaggio in maniera cortese e non saranno diffusi o comunicati a terzi.

L'indirizzo IP di chi commenta viene memorizzato al solo fine di tracciare l'avvenuto consenso espresso. Ricorda di non inviare dati sensibili nel messaggio!!!

ACCONSENTO



Presenti 0 commenti



TI E' PIACIUTO QUESTO CONTENUTO ?

Condividi e rendi nota questa pagina

Il box di condivisione con i social network non è visibile in quanto non hai accettato i cookies di terze parti su questo sito; qualora volessi utilizzare tale capacità di condivisione è necessario cancellare tutta la cronologia e ricaricare questa pagina, quindi accettare i cookies
cerca Cerca nel sito
Cerca in:
In base a:
sostienici Sostienici !
condividi Social Network
Seguici sui social network
Segui PcPrimiPassi su Google+ Segui PcPrimiPassi su Twitter Fanpage di PcPrimiPassi.it
download Ultimi Download
faq Domande Top
Tipi di files Tipi di files
team Team & Contatti
sviluppo Sviluppo
Versione 4.3 Developed by Stefano Ravagni